Verità RelativeVerità Relative
  • 8

by Marco

salutogiapu

L’omino spezzettato.

(NdR: Questa storia è ovviamente inventata al solo scopo di riflettere sul dove potrebbe risiedere la nostra coscienza, buona lettura.)

Cìn Ciaulìn andò dal suo grande Maestro dopo aver passato molti anni in Europa.

«Dimmi dunque, quale interessante esperienza mi porti dell’occidente?», chiese il Maestro a Cin. «Oh gran Maestro, sono stati anni molto intensi quelli passati a girare per le capitali europee» e continuò «Tutto sommato le persone non sono molto diverse da noi orientali, anche loro sono alla ricerca della via per tornare a casa…».

Al che il Maestro domandò «Bene. Ma dimmi orsù, sei stato colpito da qualche interesse?» «Veramente qualcosa c’è.» rispose l’allievo SAGGIO«Quel popolo è ossessionato dalla cultura, dalla tecnologia, dall’intelligenza e da tutto ciò che riguarda la mente, pochissimi si curano dell’anima.» Il Maestro fece un espressione tutt’altro che stupita e chiese «Cosa non ti è chiaro, oh mio allievo?». Cìn Ciaulìn confessò: «Ho studiato nelle loro università. Ho assistito a molti dei loro esperimenti sul cervello. Loro affermano di essere nella mente, credono che il loro , il loro io, risieda nel cervello. Dicono di pensare e quindi di essere» e aggiunse «Altri invece, credono di avere un anima che risieda nel petto o vicino al cuore, sono molto confuso. Credo anch’io che siamo da qualche parte del corpo umano, ma dove?»

Il Maestro chiuse gli occhi e sorrise dicendo: «Bene Cin. Quindi la domanda che necessita di una risposta è:»

punto_interrogativoe continuò «Visto che non siamo sicuri di dove siamo, cominciamo a sezionare il corpo umano che sembra essere la casa del nostro sé.». Cìn Ciaulìn rimase ad ascoltare in silenzio trepidante di curiosità: «Ipotizziamo di poter rimanere vivo con un macchinario, mentre cominciamo a sezionare il mio corpo per cercare dove sono. Cominciamo a tagliare un dito della mano. Ti chiedo ora, sono nel dito?»

«Certo che no, nel corpo rimanente, di sicuro non nel dito tagliato.» rispose fermo Cin. «Bene, allora tagliamo tutto il braccio. Ora sai dirmi dove è mia coscienza?» insisté il Maestro. «Sempre nel resto del corpo, il braccio è destinato a morire.» «Allora tagliamo anche entrambe le gambe. Dov’è ora il tuo Maestro?» e il giovane disse: «Dove c’è la testa con il busto».

«Separiamoli allora, ma senza interrompere la circolazione sanguigna. eegDove risiede l’essere vivente ora, testa o busto?» Spalancando gli occhi l’allievo esclamò: «Ho capito! NELLA TESTA! NELLA TESTA! Allora è vero, il nostro IO risiede lì. Noi siamo il pensiero che fluisce. Ora è tutto chiaro! Infatti molti scienziati hanno misurato l’attività neuronale della mente, nelle varie zone del cervello, come un flusso che cambiava colore, al cambiare dei pensieri del soggetto. Vedevano in un monitor dove esattamente il pensiero e le emozioni stavano operando. Non si hanno dubbi a riguardo. Ritengono anche di poter continuare a tenere in vita un essere umano separando la testa dal corpo e continuando a nutrire il cervello di sangue e ossigeno.» terminò Cin soddisfatto.

cervello2Ma il Maestro lo guardò severo e tuonò: «NO! Non è così, la vita non è lì!», fece una pausa e continuò. «Di tutti i macchinari sofisticati che hai visto, conosci quello più simile alla mente umana?» e Cin rispose spavaldo «Certo, il computer è assolutamente il macchinario che lo ricorda di più, anzi è proprio al cervello che si sono ispirati i creatori di cotanta meraviglia tecnologica.» Il Maestro guardò l’allievo e ribadì: «E secondo te, quando un uomo lo utilizza, nei circuiti elettronici di questo computer ci sono dei flussi di energia, dei segnali elettrici che si accendono e si spengono, come l’attività neuronale del cervello? Allora tu sei nel circuito elettronico del computer?» L’allievo sbiancò e il Maestro rincarò la dose «Quando un’automobile viaggia nel traffico non è vero che c’è un flusso di benzina, acqua, olio e quant’altro che scorrono nel motore perché qualcuno la sta guidando? La tua vita è forse nel motore dell’automobile?».

Cin rimase in silenzio a bocca aperta e il Maestro proseguì «E’ assurdo ipotizzare di essere nella mente solo perchè quando viene utilizzata miliardi di neuroni si scambiano dati con impulsi elettrici. E’ inutile che l’uomo si affanni a cercare sé stesso nel corpo umano o in qualunque elemento della natura. Noi non siamo qui e anche se lo fossimo non potremmo trovarci. Sarebbe come chiedere ad una mano di acchiappare se stessa. O davanti ad uno specchio dire che quello che vedi sei tu… Sbagliato! Tu vedresti solo lo strumento che usi per vedere e non colui che guarda. Non sei gli occhi che vedono il riflesso. Il nostro corpo è un macchinario nelle mani della nostra coscienza ed essa non può collassare su se stessa sentendosi o vedendosi. La coscienza non può prendere coscienza di se stessa. È un corto circuito, come 2 specchi uno di fronte all’altro, l’immagine si riflette all’infinito perdendosi.»

Il Maestro concluse dicendo: «L’unica cosa saggia da fare è capire che non puoi capire. La mente, per quanto potente e complessa sia, non è stata progettata per poter comprendere l’essenza della coscienza. Come un computer non può accorgersi di te che premi i suoi tasti. Il cervello non può concepire qualcosa di diverso dalla realtà tridimensionale di questo mondo. Prendi ad esempio l’infinito o l’eternità. Se provi ad immaginare uno spazio o il tempo senza un inizio e senza una fine, il cervello si rifiuta andando in corto circuito. Ecco perchè tanti cercano di confermare che la Teoria del Big Bang sia la naturale nascita dell’universo e che esso poi si espanda come se fosse un’enorme nube gigantesca. Viene naturale pensarlo come qualcosa che è iniziato da qualche parte e che si muova per far si che immaginiamo un con-fine. È l’unica spiegazione che dona una logica pace alla mente quando cerca di analizzare l’infinito spazio delle stelle.»

Il giovane annuì e lascio il Maestro terminare: «Caro il mio ragazzo, l’unica cosa saggia da fare è smetterla di cercare la verità che sarà sempre Relativa. Smetterla di cercare di aver ragione e cominciare a vivere il tempo che abbiamo nella maniera più felice possibile.»

Cìn Ciaulìn sorrise in silenzio, si inchinò con immensa gratitudine e si allontanò sereno più che mai. Il maestro accennò un saluto e disse: «Arrenditi e vincerai la pace!»

coccinella_m

A presto
Marco

🙁 🙂 😀 Ti è piaciuto l'articolo?
Facci sapere cosa ne pensi Votandolo!

Ti lascio inserendoti un link che potrebbe esserti utile per saperne di più su come aumentare la propria consapevolezza e su come mantenere uno stato emotivo positivo. Eccolo:


Testi Consigliati:

DVD


Disclaimer, leggere con attenzione:

Tutti i prodotti acquistabili su questo sito hanno la garanzia 100% soddisfatti o rimborsati.

I risultati e l'efficacia degli info-prodotti e delle metodologie suggerite, non sono in nessun modo garantiti in quanto di tipo assolutamente soggettivo e personale. Testimonianze che dichiarano di risultati specifici sono assolutamente soggettive e non sono garantite; gli esiti possono variare da soggetto a soggetto. Quanto riportato in questa pagina a titolo di recensione del prodotto è puramente personale e in forma di opinione. NON garantisce nessun tipo di risultato e non sostituisce il consulto medico.

Le informazioni contenute in questo sito web sono solamente a scopo informativo e non intendono sostituire il consulto da parte di un medico. Le recensioni si basano su materiale ed informazioni di natura generica prese dal sito ufficiale del produttore e/o fornitore, informazioni reperibili di dominio pubblico e facilmente accessibili. Non è possibile ritenere il sito responsabile riguardo l'accuratezza, completezza o veridicità del materiale pubblicato né per eventuali danni fisici o morali derivanti dall'uso improprio dei contenuti pubblicati. Il sito web non è ne produttore e/o fornitore dei prodotti che recensisce.

Marco
About Marco
Sono Marco Odino, classe '72, autore di VeritaRelative.it. e del corso Eureka!® al suo interno. Affascinato e incuriosito dallo scoprire come funzionano gli esseri umani, (questo miscuglio di corpo, mente e anima), sono diventato un appassionato Ricercatore di tutto ciò che riguarda il Benessere Emotivo. Dalle antiche filosofie Orientali a quelle più moderne Occidentali. ;-)

8 Comments

  • Pingback: L’Empatia e il Cervello come strumento – Verità relative()

  • mushotoku

    Usare il nome di “CIn Ciaulin” mi riporta ai film pecorecci di serie Z italiani degli anni 60-70, dove i cinesi venivano rappresentati con i lunghi baffi a manubrio e parlano con le “L” al posto delle “R”. Come inizio mi sarei aspettato qualche cosa di più.
    Detto questo, dopo aver letto il polpettone, ti porgo una domanda: se metti in dubbio la realtà del big bang, che è assodata da dati (non teorie) scientifici, e apri la strada ad altre “realtà” , significa che se uno crede nel creazionismo ha ragione? Quindi i dinosauri sono stati messi da Dio per testare la nostra fede? Ma per favore!!!
    Comunque devo riconoscere che il tutto è ben scritto con retorica (nel senso di arte persuasiva) e che potresti avere grande successo negli Stati Uniti, dove un americano su cinque crede fermamente nella bibbia. Ma forse i tempi sono quasi maturi anche in Italia, dove decine di migliaia di xxxxxxx hanno scoperto la new age da discount e hanno avuto la “rivelazione” che, oltre al calcio e alla tv spazzatura, forse esiste una cosa chiamata coscienza.

    • Ciao Mushotoku. Mamma mia come sei arrabbiato, avrò mica per caso toccato un tuo tasto dolente? Stai tranquillo è normale reagire così quando ti toccano sulle tue convinzioni…
      Rispondo subito alle tue domande anche se somigliano più a dei giudizi o accuse!
      😉
      1) Essendo una storiella inventata non vedo cosa ci sia di male ad usare nomi di fantasia che provengono dalla mia infanzia…
      2) Il Big Bang, mi spiace per te, continua ad essere una Teoria perchè a fronte dei dati scientifici ci sono sempre altri dati che contraddicono i precedenti. La certezza non c’è.
      3) Non faccio assolutamente nessun tipo di religione in questo blog, ma probabilmente devi ancora leggere altri articoli o l’obbiettivo del sito stesso.
      Saluti
      P.S. Scusa ma ho dovuto togliere le parolacce che avevi scritto, spero che non ti faccia arrabbiare ulteriormente…

      • mushotoku

        Quindi vuoi farmi credere […][cut off]

        • Non posso pubblicare “discussioni” così lunghe sulla parte dei commenti. Quindi ho risposto via mail a questo tuo ulteriore post, se per caso l’indirizzo mushotoku@xxxxxx era inventato ti prego di scrivermi tu al mio: marco@veritarelative.it. Grazie Ciao

  • “arrenditi e vincerai la pace” una grande verità , sembra facile, ma la resa umanamente è la sconfitta!

    • Ciao Maria, La resa è la sconfitta a livello culturale, non umano. E’ vista così quando la prendi sul personale, quando ti restituisce una sensazione di inferiorità verso chi credi stia vincendo. Quando perdi non devi mai ledere la tua autostima…

      In questo caso Arrenditi è sinonimo di “Lascia che sia” “Lasciati andare” “Fidati, non resistere”. Perchè la lotta di questo esempio è contro un avversario immaginario…
      😉

  • Giorgio

    Carina la storiella.
    🙂

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Per offrirti la migliore esperienza di navigazione usiamo i cookie, anche di terze parti Cookie Policy

Chiudi

L’omino a pezzettini. Dove risiede la Coscienza?